“Lo voglio sicuro e senza effetti collaterali!”: la storia della contraccezione maschile con prospettive

Ogni anno, gli scienziati riferiscono che ce n’è un po’ di più. E ogni anno si scopre che le donne hanno una dozzina di opzioni e gli uomini hanno preservativi e vasectomie.

Perché?? Alcuni scienziati dicono che uccidere un milione di spermatozoi è più difficile che uccidere un uovo. Le aziende farmaceutiche vedono questo come un’impresa rischiosa: non è certo che gli uomini accetteranno di prendere gli ormoni, e non c’è garanzia che le donne li prenderanno. Ma le statistiche e la scienza dimostrano che questo è falso: ci sono metodi di lavoro, e non pochi uomini sono disposti ad usarli.

Storia di contraccezione maschile

Come sapete, la contraccezione deve essere efficace, reversibile e sicura. Negli anni 60, fu creata una droga chiamata Win che riduceva il numero di spermatozoi, ma non fu testata ed era incompatibile con l’alcol.

Nel 1974, il dottor Elsimar Cautiño ha inventato il gossypol, un contraccettivo orale fatto da un estratto di cotone. Ma i test iniziali hanno dimostrato che i suoi effetti non sono sempre reversibili.

All’epoca, gli scienziati si concentravano sui metodi ormonali. Un’iniezione settimanale di testosterone sembrava una buona opzione a metà degli anni ’90. Ma ha molti effetti collaterali: aumento di peso, acne, sbalzi d’umore. In generale, gli uomini hanno rinunciato a tale felicità (confrontare con gli effetti collaterali dei farmaci femminili – stessa cosa!).

Dieci anni dopo, le iniezioni di testosterone e progesterone sono state nuovamente testate: depressione, dolore muscolare, diminuzione della libido. Gli uomini non prenderebbero volontariamente qualcosa che potrebbe influenzare il loro peso o il loro desiderio sessuale, motivo per cui la farmacologia ha di nuovo votato contro e nessuna azienda finanzierà ulteriori ricerche.

C’è un gel ormonale NES/T in studi clinici che riduce l’attività dello sperma. È interessante notare che la ricerca negli Stati Uniti è finanziata da una fondazione governativa, che si occupa anche di contraccettivi femminili. Il gel, se testato con successo, dovrebbe essere disponibile nel 2022.

E le donne??

Le donne sono tutt’altro che schizzinose riguardo alla sicurezza delle droghe, ed è per questo che hanno fatto esperimenti su di loro per cinquant’anni. Potete immaginare che le prime pillole ormonali negli anni 60 contenevano 10.000 (!) volte più estrogeni dei moderni? E lo era! E non è stato fino a quando gli esperti hanno intuito di collegarli ad un aumento degli attacchi di cuore e degli ictus.

Negli anni ’70 è stata sviluppata la prima bobina, che ha causato infiammazione degli organi intimi, problemi con le gravidanze successive e, in alcuni casi, la morte.

Cosa c’è dopo

Gli uomini sono così abituati al fatto che la responsabilità è della donna (in parte anche nel caso dei preservativi – gli uomini non sempre li hanno!). Molte persone sono disposte a prendere la pillola prima del sesso o ogni giorno. a patto che siano completamente sicuri e protetti.

I sondaggi mostrano che quasi il 95% delle donne chiederà al proprio partner di prendere un farmaco ormonale (sia esso un gel, una pillola o altro), ma solo il 42% crede che tale farmaco sarà sviluppato nei prossimi anni. Allo stesso tempo l’80% degli intervistati ha detto di non essere pronto a fidarsi completamente dei metodi contraccettivi maschili.

In generale, è da qualche anno che le donne non hanno più opzioni. Speriamo che anche gli https://cmamlaw.com/attorneys/ uomini li abbiano!

Leave a comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *